Acquista Online su
IlGiardinodeiLibri.it

 

Presente su:
Cercami.org
Lazio-Aziende.net



Ma Telethon finanzia la Vivisezione?

Anche quest’ anno Telethon continuerà a finanziare la Vivisezione!

Nonostante i numerosi striscioni di denuncia affissi lo scorso anno da varie realtà in tutta Italia; nonostante la nostra risposta alle loro elucubrazioni sulla differenza "etimologica" tra vivisezione e sperimentazione animale che non cambiano la sofferenza di chi la subisce; nonostante i quesiti posti da ricercatori anti-vivisezionisti ai loro ricercatori vivisettori che ancora ritengono utile un modello animale per la cura delle malattie genetiche; nonostante le nuove rivelazioni scientifiche del dicembre 2009 sulla DMD (Distrofia Muscolare Duchenne) a dimostrazione dell'assoluta inutilità di ratti e topi in questa direzione; nonostante quindi tutti questi appelli, Telethon continuerà a chiedere con le sue maratone tv, le sue partite di beneficenza, le sue raccolte con banchetti nelle piazze, i suoi media e giornali accondiscendenti o i suoi teatrini variopinti, soldi a tutti i cittadini esclusivamente per finanziare la sua "mission" di benefattrice dell'Umanità, cioè perseverando nel provocare sofferenza ad esseri senzienti che hanno caratteristiche non estrapolabili a nessuna specie e non riproducibili nell'uomo stesso.

Notizia del 14 dicembre 2011

Purtroppo Telethon non perde il vizio e di recente ha pubblicato nuovi progetti di sperimentazione animale, in cui si inietteranno svariate sostanze nel cervello o si toglieranno muscoli delle zampe prima a topi, poi a cani e infine a primati non umani, cioè scimmie.

In tempi di “crisi” constatare come possano essere approvati finanziamenti di 230.000 euro per una pseudo ricerca fatta su esseri che hanno la sola colpa di non essere nati uomini, dovrebbe far riflettere sulla reale natura con cui si mascherano queste fondazioni per aiutare la nostra salute.

Fonte
http://www.agireora.org/info/news_dett.php?id=1233

La Mission di Telethon

Ufficialmente Telethon afferma che vuole:

"Far avanzare la ricerca scientifica verso la cura della distrofia muscolare e delle altre malattie genetiche". (che come abbiamo più volte enunciato in questo dossier non si possono curare utilizzando modelli animali o animali geneticamente modificati come invece si vuol far credere)

"Dare fondi ad eccellenti progetti di ricerca ed ai migliori ricercatori in Italia". (gli “eccellenti progetti” non sono di certo quelli che finanziano la sperimentazione animale ed i “migliori ricercatori in Italia” non sono certo i vivisettori, anzi)

"Far sapere sempre a chi ci aiuta come vengono spesi i soldi che raccogliamo". (strano che non dicano e scrivano a caratteri cubitali che i fondi raccolti finanziano soprattutto la vivisezione o sperimentazione animale che è la stessa e identica cosa)

Animali geneticamente modificati

Molti fondi vengono destinati rispettivamente al Centro per la Mutagenesi Condizionale dell’Istituto Scientifico San Raffaele di Milano ed al Centro per la Produzione di Topi Transgenici del Centro di Ricerca Sperimentale (CRS) – Istituto Regina Elena di Roma.

Dichiarazioni e comunicati con cui Telethon ha espresso il proprio pensiero

Comunicato Stampa - 19 novembre 2003

“Curate in modelli animali altre due forme di distrofia”: L’efficacia nell’uomo rimane da dimostrare”. (ma se lo ammettono perché allora continuano su questa strada?)

Comunicato Stampa - 15 maggio 2008

“Nuovo studio sulla distrofia di Duchenne”: “Per ora siamo alla fase cosiddetta preclinica, dove si studia l’effetto di un farmaco sul modello animale. Il passo successivo, dai tempi imprevedibili ma sicuramente ancora lunghi, sarà quello di passare all’uomo e ai pazienti affetti da DMD” (tempi lunghissimi a vedere gli oltre vent’anni in cui hanno iniziato le loro ricerche sugli animali)

Parlando poi della sperimentazione clinica, cioè quella effettuata direttamente sugli esseri umani, dichiarano che “gli studi clinici sono l’unico sistema con il quale si può valutare l’efficacia di un nuovo trattamento” (cioè significa  implicitamente ammettere che la sperimentazione animale non è di nessuna utilità).

Giulio Cossu, scienziato di punta della ricerca scientifica in Italia, in attività presso il Laboratorio di Istologia Medica dell’Università La sapienza di Roma, intervistato ha affermato che “la cura della distrofia muscolare è ancora fantascienza. Nessuno può azzardarsi a fare previsioni sulla pelle della gente” (anni e anni di sperimentazione animale per non approdare a nulla? Dato motivante per la ricerca scientifica).

Criteri di valutazione per distribuire il ricavato delle donazioni

Il metro di giudizio con cui Telethon distribuisce i fondi raccolti “è dimostrato dal numero e dalla qualità delle pubblicazioni apparse su riviste scientifiche internazionali. [...] Il prodotto finale di un lavoro scientifico è la pubblicazione dei risultati: il numero e la qualità delle pubblicazioni sono quindi l’indice della produttività del singolo ricercatore.” (guarda caso gli animali sono una scorciatoia per facili pubblicazioni poiché è possibile a particolari condizioni o con opportune sollecitazioni, determinare il risultato finale, cioè quello più adatto alle finalità di un certo esperimento)

5 per mille

Associazioni come AIRC, AISM, Telethon, Fondazione San Raffaele dal Monte Tabor, l’ Istituto Mario Negri di Milano, guadagnano milioni di euro dalle donazioni del 5 per mille, sia dalle donazioni esplicite, che da quelle "senza preferenza", che servono in larghissima percentuale a finanziare la vivisezione. (esistono fortunatamente altre realtà a cui si può donare il nostro 5 per mille, come per esempio I-Care)



Per leggere altri approfondimenti su Telethon del 2010